• Materie prime, nel 2018 bilancia commerciale negativa per oltre 2miliardi di euro

    Print

    Non si ferma la crescita delle importazioni

    Soia %c2%a9 dusan kostic   fotolia

    Aumento  delle importazioni e frenata delle esportazioni di cereali, semi oleosi e farine proteiche. I dati del settore cerealicolo elaborati da Anacer, Associazione nazionale cerealisti, e relativi al 2018 evidenziano, ancora una volta, la cronica carenza di materie prime dell'agroalimentare italiano. Ne ha risentito la bilancia commerciale, con un saldo valutario netto poco sotto i -2.200 milioni di euro.

    Lo scorso anno l'import ha toccato la quota di 21 milioni di tonnellate, con un incremento di 414 mila tonnellate, pari al 2% rispetto al 2017. Il suo valore complessivo è stato di 5,5 miliardi di euro, con un aumento del 4%. 

    Tra le singole colture i maggiori aumenti hanno riguardato il grano tenero (+337.100 tonnellate, provenienti soprattutto dall'Ue); il mais  (+336.800 t, particolarmente dai Paesi terzi). Con il segno positivo anche i trasformati/sostitutivi (+149 mila t) e i mangimi a base di cereali (+32 mila t). In calo invece il grano duro (-322 mila t), l'orzo (-172 mila t), il riso (-43 mila), la crusca (-33 mila) e altri cerali minori (-53.700 t). 

    Anche le importazioni di soia sono cresciute: i suoi arrivi sono saliti di 228 mila tonnellate, trainando l'incremento generale dei semi e dei frutti oleosi del 14%. Per la colza l'import è salito di 25 mila tonnellate. Le farine proteiche si sono invece ridotte del 3,2% (-95 mila tonnellate, di cui 84 mila solo di farina di soia). 

    Dal 2012 l'export era in aumento

    Dopo un trend positivo degli ultimi sei anni nel 2018 è stata registrata una riduzione delle esportazioni di oltre il 10% (-497 mila tonnellate). L'export dall'Italia ha toccato quota 4,4 milioni di tonnellate pari a un valore di 3,4 miliardi di euro (con un calo minore, dell'1,7%). 

    Da dove deriva questo calo? Una larga fetta dai cereali in granella (-474 mila t, di cui 367 mila di grano  duro) e in misura molto minore dai prodotti trasformati/sostitutivi (-50 mila t) e riso (-37 mila). Aumentano invece le quantità per l'estero di farina di grano tenero (+8,9%), semola di grano duro (+11,7%) e mangimi a base cereali (+15,3%).

     

    Foto: © Dusan Kostic - Fotolia

    redazione 15-03-2019 Tag: cerealiimportazioniexportanacer
Articoli correlati
  • Agroalimentare, in leggera crescita nel primo trimestre

    Buon avvio per il settore agroalimentare nel 2019. Come riporta Ismea, nel primo trimestre il comparto agricolo è caratterizzato dal segno positivo, sebbene il suo contributo sia modesto alla crescita del Pil nazionale, e anche la produzione industriale...

    14-07-2019
  • Stati Uniti, in ritardo semina e sviluppo delle colture

    Negli Stati Uniti la semina e lo sviluppo di diverse colture impiegate nella produzione di mangimi - come mais, soia, frumento e sorgo - procedono a rilento. Lo rivela il rapporto: “Crop Progress” pubblicato il 17 giugno dal Dipartimento...

    26-06-2019
  • Export agroalimentare, embargo verso Russia provoca perdite per 217 milioni di euro

    L’export dei prodotti agroalimentari italiani è stato seriamente danneggiato dall’embargo verso la Federazione Russa, che è costato al Belpaese 217 milioni di euro. Lo evidenzia il rapporto: “Scambi con l’estero - Gli scambi...

    20-06-2019
  • Usa: in ripresa semina di mais, soia e altri cereali

    Dopo diverse settimane di maltempo, che hanno ritardato la semina di diverse colture, la fine delle piogge ha consentito agli agricoltori statunitensi di proseguire la coltivazione di mais, soia e altri cereali utilizzati nella produzione dei mangimi. Lo...

    18-06-2019
  • Comparto suinicolo europeo: calo domanda estera, rallenta mercato

    Nei primi mesi del 2019 il mercato suinicolo europeo ha risentito del calo delle esportazioni in Cina. Lo evidenzia il rapporto: “Suini: tendenze del settore” pubblicato dall’Ismea (Istituto di Servizi per il Mercato Agricolo Alimentare),...

    16-06-2019