• A novembre salgono prezzi della soia, scendono quelli del mais

    Print

    Cresciuta in Italia la produzione delle due colture

    Agricoltura trattore %c2%a9 pershing   fotolia.com

    Rispetto allo scorso anno, le quotazioni della granella nazionale di mais sono aumentate dell'1%: la campagna di commercializzazione 2017/18 si è chiusa al prezzo medio di 178,04 euro/t. È quanto emerge dal rapporto: “Mais e Soia: tendenze e dinamiche recenti” pubblicato dall’Ismea (Istituto di servizi per il mercato agricolo alimentare), secondo cui nel 2017 l'andamento del mercato del mais sarebbe stato influenzato dal calo annuale dell'offerta e delle scorte.

    Da luglio 2018, avvio della campagna 2018/19, le quotazioni del mais hanno subito un calo costante, scendendo a novembre al prezzo di 177,54 euro/t. L’Ismea precisa che nonostante le stime sui livelli record della domanda mondiale e sulla contrazione delle scorte dovrebbero spingere in alto le quotazioni, l'avvio della campagna di raccolta negli Usa e in Ucraina delinea un risultato quali-quantitativo soddisfacente, che per il momento frena la ripresa dei listini.

    La produzione italiana di mais nel 2018 ha registrato un aumento del 2,6% rispetto all’anno precedente: il consistente aumento delle rese ha permesso di raccogliere 6,2 milioni di tonnellate. Sono invece diminuite le superfici destinate alla coltivazione del cereale, scese a poco più di 614 mila ettari - il livello più basso registrato negli ultimi vent’anni -, segnando una perdita di circa 420 mila ettari e di 3,8 milioni di tonnellate rispetto al 1999.

    Per quanto riguarda la soia, nonostante nel 2017 i raccolti mondiali e le scorte siano diminuiti, la campagna commerciale 2017/2018 ha mostrato una flessione dei listini all'origine del 2,1% rispetto alla stagione precedente, che sono scesi a un valore medio di 380,21 euro/t. Secondo l’Ismea, questo trend sarebbe dovuto alla svalutazione del dollaro. Con l'esordio dell'attuale campagna il mercato è apparso fortemente instabile su base mensile: rispetto al prezzo di luglio 2018 (pari a 342,00 euro/t), il prezzo medio è aumentato di 11 euro/t ad agosto (352,69 euro/t), è sceso di 14 euro/t a settembre (328,50 euro/t), per poi risalire a 336,65 euro/t a novembre.

    La produzione italiana di soia nel 2018 è cresciuta di 260 mila tonnellate rispetto all’anno precedente, fino a raggiungere 1,1 milioni di tonnellate. Secondo l’Ismea, le coltivazioni del legume si sarebbero avvantaggiate della flessione produttiva del mais, mostrando dinamiche opposte: nel 2018 le superfici coltivate con la soia hanno raggiunto il livello più elevato registrato a partire dal 1999, superando 328 mila ettari (+82 mila ettari).

    Foto: © pershing - Fotolia.com

    red. 01-12-2018 Tag: maissoiaIsmeaprezziproduzioneCOLTURE
Articoli correlati
  • Agricoltura, nel 2018 produzione in ripresa. Italia leader in Europa

    I dati Istat appena resi noti relativi all’andamento del settore agricolo e dell’industria alimentare nel 2018 confermano diverse tendenze in atto già da tempo e ne evidenziano alcune nuove. Dopo i dati negativi del 2017, l’agricoltura...

    05-08-2019
  • Commodity alimentari, a luglio prezzi in leggero calo

    Stabile la carne, in netto calo cereali e prodotti lattiero-caseari. La Fao ha rilevato una riduzione dei prezzi delle principali commodity alimentari include nell’Indice Fao dei Prezzi Alimentari. A luglio il valore è stato di 170,9 punti, con una...

    04-08-2019
  • Produzione cereali, Usda prevede un aumento del loro utilizzo nel 2019/2020

    Per il 2019/2020 il Dipartimento di Agricoltura degli Stati Uniti ha previsto un aumento dell’utilizzo delle materie prime agricole a 376,9 milioni di tonnellate. Nel suo ultimo report l’amministrazione ha fatto il punto dell’utilizzo, del...

    30-07-2019
  • Come gestire una stalla da 20.000 Kg?

    Quando pensiamo al futuro della zootecnia da latte, immaginiamo stalle con performance medie per vacca ben lontane da quelle, pur ragguardevoli, ottenute attualmente. La media delle venti stalle più produttive d’Italia del 2018 è stata di...

    29-07-2019
  • Fefac sostiene l’impegno della Commissione Ue sulla deforestazione

    I produttori mangimi, cereali e semi, alimenti proteici e oli vegetali in difesa delle foreste. Fefac, la Federazione europea dei Produttori di mangimi, Coceral, l’Associazione europea dei Produttori di cereali, riso, semi oleosi, olio d’oliva e oli,...

    29-07-2019