• Materie prime alimentari, rialzo dei prezzi a febbraio

    Print

    Crescono quotazioni di cereali e prodotti lattiero-caseari. Stabili i listini della carne

    Mercato frutta verdura

    A febbraio le quotazioni delle materie prime alimentari sono cresciute dell'1,1% rispetto a gennaio. L'aumento dei prezzi dei cereali e dei prodotti lattiero-caseari ha, infatti, più che compensato la flessione dei listini degli oli vegetali e dello zucchero. Lo evidenzia l’Organizzazione per l'alimentazione e l'agricoltura delle Nazioni Unite (Fao), precisando che a febbraio l'Indice dei prezzi alimentari della Fao si è attestato su una media di 170,8 punti, un valore più alto dell'1,1% rispetto al mese precedente, anche se più basso del 2,7% rispetto a quello registrato a febbraio 2017.

    L'indice Fao dei prezzi dei cereali è aumentato del 2,5%, registrando il secondo aumento consecutivo mensile. Il rialzo sarebbe dovuto alle condizioni climatiche sfavorevoli che hanno influenzato negativamente le prospettive per il grano invernale negli Stati Uniti e del mais in Argentina.

    È cresciuto anche l'indice Fao dei prezzi dei prodotti lattiero-caseari, che a febbraio risulta più alto del 6,2% rispetto a gennaio. L’incremento è stato favorito dall’aumento delle quotazioni internazionali del burro, del formaggio e del latte in polvere intero e scremato, determinato da una forte domanda globale e da una produzione di latte inferiore alle attese in Nuova Zelanda.

    L'indice Fao del prezzo della carne è invece rimasto sostanzialmente invariato. La riduzione dei prezzi della carne di pollame, diminuiti per il quarto mese consecutivo, sono stati infatti compensati dall’aumento delle quotazioni delle carni bovine.

    L'indice Fao dei prezzi degli oli vegetali è sceso del 3,1%, raggiungendo il livello più basso degli ultimi 19 mesi, a causa delle prospettive di un crescente surplus di produzione globale nell'anno in corso. Sono diminuiti soprattutto i prezzi dell'olio di palma, a causa dell’aumento delle scorte in Malesia e Indonesia, mentre le aspettative di frantumazioni di soia record negli Stati Uniti hanno pesato sulle quotazioni dei semi di soia.

    È diminuito anche l'indice Fao dei prezzi dello zucchero, sceso del 3,4%, che ha registrato il livello minimo degli ultimi due anni. I principali produttori, come la Tailandia e l'India, hanno continuato a espandere la produzione. Inoltre, gli operatori del mercato sono in allerta per il forte aumento della produzione nell'Unione Europea, dovuta al brusco incremento dei raccolti di barbabietole dopo la rimozione delle quote di produzione dell'anno scorso.

    redazione 11-03-2018 Tag: materie primefaocarnecerealiprodotti lattiero-caseari
Articoli correlati
  • Mais, la ripresa dell'Argentina

    Il prossimo anno in Argentina la produzione di diversi cereali impiegati nella produzione di mangimi, in particolare del mais, dovrebbe aumentare in modo significativo. Merito del miglioramento delle condizioni climatiche, secondo il rapporto: “Argentina:...

    13-08-2018
  • Alleanza di filiera: Assalzoo, Anacer, Assitol e Italmopa per costruire una strategia comune

    Un impulso per una nuova collaborazione nella filiera agroalimentare arriva dal Protocollo d'intesa firmato da Assalzoo, Anacer, Assitol e Italmopa. Le quattro associazioni, in rappresentanza di più di trecento aziende, hanno firmato un accordo di...

    09-08-2018
  • Antibiotico-resistenza, la situazione a livello mondiale

    La lotta contro l’antibiotico-resistenza sta compiendo significativi passi avanti, anche se permangono serie lacune che richiedono azioni urgenti. È quanto emerge dal rapporto “Monitoring global progress on antimicrobial resistance”...

    02-08-2018
  • Igc: produzione di cereali in calo nella stagione 2018-19

    Nella stagione 2018-19 la produzione totale di cereali dovrebbe fermarsi a 2,077 miliardi di tonnellate, registrando un calo rispetto ai 2,09 miliardi di tonnellate del periodo 2017-18. Lo evidenzia il “Grain market report” pubblicato...

    20-07-2018
  • Produzione ittica mondiale, in crescita nei prossimi 10 anni

    Nel prossimo decennio la produzione ittica mondiale dovrebbe continuare a crescere, nonostante si sia stabilizzata la quantità di pesci catturati in natura e stia rallentando l’espansione dell'acquacoltura. Lo evidenzia il rapporto: “The state...

    19-07-2018