• Consumi alimentari, nel 2017 registrata crescita del 3,2%

    Print

    Aumentati gli acquisti di carne, pesce e formaggi

    Supermercato carne %c2%a9 joshhh   fotolia

    Nel 2017 i consumi alimentari delle famiglie italiane sono cresciuti del 3,2% rispetto all'anno precedente. È quanto emerge dal rapporto “Consumi alimentari - I consumi domestici delle famiglie italiane” pubblicato da Ismea (Istituto di Servizi per il Mercato Agricolo Alimentare), secondo cui gli acquisti dei prodotti alimentari sono aumentati del 3%, mentre quelli delle bevande (acqua imbottigliata, birra, spumanti e vino) del 4,6%.

    L’Istituto evidenzia che l'incremento della spesa riguarda sia i prodotti confezionati, cresciuti del 3,7%, sia quelli sfusi, aumentati dell’1,8%. In particolare, hanno registrato performance positive quasi tutti i prodotti proteici di derivazione animale, che negli ultimi anni avevano riportato cali significativi: i consumi di carni bovine sono cresciuti del 3,4%, quelli di carni avicole del 3,9% e quelli di carni suine fresche del 2,7%. Ha, invece, continuato a diminuire la spesa per il latte, ridotta del 2,5% rispetto al 2016, accompagnata però da un incremento quasi dell'1% della spesa per i formaggi, soprattutto molli, duri e freschi.

    Per il secondo anno consecutivo sono aumentati gli acquisti dei prodotti ittici: l’incremento della spesa complessiva è pari al 5,4%. È poi cresciuto in misura minore il comparto dei derivati dei cereali, aumentato complessivamente dello 0,8% rispetto al 2016. Sono in calo gli acquisti di pasta (-1,6% in volume e -3% la spesa), ma crescono quelli dei prodotti integrali: pasta integrale +17%; riso integrale +10% la spesa e +20% i volumi. Hanno registrato un aumento anche i consumi di frutta (+4,3% il fresco e +3,5% il trasformato) e degli ortaggi (+4%). L’aumento della spesa per l'olio extravergine di oliva (+11%) sarebbe invece determinato esclusivamente dall'incremento dei prezzi medi unitari conseguenti alla scarsa produzione degli oliveti nazionali.

    L’Ismea precisa, infine, che l’interesse per i prodotti ad alto contenuto di servizio, alta praticità d'uso e fortemente orientati alla salute e al benessere è stato confermato anche nel 2017. Oltre il 50% dei consumatori ha, infatti, acquistato piatti pronti, sostituti del pane, insalata in busta, prodotti surgelati o prodotti bio, Dop o Igp.

    Foto: © Joshhh - Fotolia

    redazione 04-03-2018 Tag: consumi domesticiIsmeacarnepesceprodotti lattiero-casearispesa alimentare
Articoli correlati
  • Latte ovino, pressione sui prezzi 

    Costi medi di produzione elevati per il latte di pecora. Nell'annata agraria 2016/2017 è stato pari a 1,12 euro/litro di latte prodotto al netto di premi e contributi PAC. Il dato è contenuto in un'indagine di Ismea, l'Istituto di Servizi per il...

    08-06-2018
  • Consumi alimentari, nei primi tre mesi del 2018 +5% per la carne. Boom delle uova

    Più carne, pesce e uova nelle case degli italiani. A fronte di un aumento generale dell'1,4% della spesa alimentare nel primo trimestre del 2018, i prodotti proteici fanno segnare incrementi maggiori. Per le uova è un vero e proprio boom con un...

    02-06-2018
  • Spesa alimentare, aumentano i consumi nel primo trimestre del 2018

    Carrelli della spesa più abbondanti. In Italia, nel primo trimestre del 2018, la spesa per i prodotti alimentari è aumentata dell'1,4% rispetto allo stesso periodo di un anno fa. A comunicarlo è Ismea, l'Istituto di servizi per il mercato...

    02-06-2018
  • Pesce, un alimento per la salute e la fertilità

    Alimento per la salute generale e anche per quella riproduttiva. Il pesce si rivela alleato delle coppie che stanno cercando una gravidanza. Chi ne consuma più di due porzioni a settimana riesce a concepire in tempi più brevi rispetto a chi ne...

    25-05-2018
  • Export agroalimentare, toccati i 10 miliardi di euro nel primo trimestre 2018

    Export italiano ancora in espansione. Dopo i risultati molto soddisfacenti del 2017, che si è chiuso con un incremento del 6,8%, si confermano i numeri positivi anche nel 2018. Il primo trimestre, infatti, ha fatto registrare un aumento del 3,3% rispetto...

    22-05-2018